Menu

     

Come Gesù, scegliamo la Vita

Come Gesù, scegliamo la Vita

Le riflessioni di Don Alfredo Ferlaino.


Sap 1,13-15; 2,23-24

Dal libro della Sapienza

Dio non ha creato la morte
e non gode per la rovina dei viventi.
Egli infatti ha creato tutte le cose perché esistano;
le creature del mondo sono portatrici di salvezza,
in esse non c’è veleno di morte,
né il regno dei morti è sulla terra.
La giustizia infatti è immortale.
Sì, Dio ha creato l’uomo per l’incorruttibilità,
lo ha fatto immagine della propria natura.
Ma per l’invidia del diavolo la morte è entrata nel mondo
e ne fanno esperienza coloro che le appartengono. 
 

Mc 5,21-43
In quel tempo, essendo Gesù passato di nuovo in barca all’altra riva, gli si radunò attorno molta folla ed egli stava lungo il mare. E venne uno dei capi della sinagoga, di nome Giàiro, il quale, come lo vide, gli si gettò ai piedi e lo supplicò con insistenza: «La mia figlioletta sta morendo: vieni a imporle le mani, perché sia salvata e viva». Andò con lui. Molta folla lo seguiva e gli si stringeva intorno.
Ora una donna, che aveva perdite di sangue da dodici anni e aveva molto sofferto per opera di molti medici, spendendo tutti i suoi averi senza alcun vantaggio, anzi piuttosto peggiorando, udito parlare di Gesù, venne tra la folla e da dietro toccò il suo mantello. Diceva infatti: «Se riuscirò anche solo a toccare le sue vesti, sarò salvata». E subito le si fermò il flusso di sangue e sentì nel suo corpo che era guarita dal male.
E subito Gesù, essendosi reso conto della forza che era uscita da lui, si voltò alla folla dicendo: «Chi ha toccato le mie vesti?». I suoi discepoli gli dissero: «Tu vedi la folla che si stringe intorno a te e dici: “Chi mi ha toccato?”». Egli guardava attorno, per vedere colei che aveva fatto questo. E la donna, impaurita e tremante, sapendo ciò che le era accaduto, venne, gli si gettò davanti e gli disse tutta la verità. Ed egli le disse: «Figlia, la tua fede ti ha salvata. Va’ in pace e sii guarita dal tuo male».
Stava ancora parlando, quando dalla casa del capo della sinagoga vennero a dire: «Tua figlia è morta. Perché disturbi ancora il Maestro?». Ma Gesù, udito quanto dicevano, disse al capo della sinagoga: «Non temere, soltanto abbi fede!». E non permise a nessuno di seguirlo, fuorché a Pietro, Giacomo e Giovanni, fratello di Giacomo.
Giunsero alla casa del capo della sinagoga ed egli vide trambusto e gente che piangeva e urlava forte. Entrato, disse loro: «Perché vi agitate e piangete? La bambina non è morta, ma dorme». E lo deridevano. Ma egli, cacciati tutti fuori, prese con sé il padre e la madre della bambina e quelli che erano con lui ed entrò dove era la bambina. Prese la mano della bambina e le disse: «Talità kum», che significa: «Fanciulla, io ti dico: àlzati!». E subito la fanciulla si alzò e camminava; aveva infatti dodici anni. Essi furono presi da grande stupore. E raccomandò loro con insistenza che nessuno venisse a saperlo e disse di darle da mangiare.
 
Il Vangelo di oggi parla della morte di una fanciulla di 12 anni. Brutto argomento la morte! L’uomo si ribella contro la certezza della morte: dopo aver gustato il sapore della vita, non vorrebbe morire mai.
Capisce bene che la morte è una violenza alla sua sete di Vita, è una sconfitta.
La prima lettura dice che la morte non entrava nel piano di Dio: essa è entrata nel mondo per l’invidia del Maligno, per il peccato dell’uomo. Il peccato tronca i legami con la fonte stessa della Vita, che è Dio, il Vivente per eccellenza. Dio ci chiama alla Vita; da un capo all’altro della Bibbia non si parla altro che di Vita; al centro del paradiso terrestre, Dio aveva piantato l’albero della Vita il cui frutto doveva far vivere per sempre l’uomo. Dio è il dio dei vivi , non dei morti; Dio è il Padre da cui procede ogni Vita.
Nel Vangelo, Gesù, guarendo l’emorroissa e risuscitando la figlia di Giàiro, si schiera dalla parte della vita, impiega i suoi poteri per combattere la malattia e la morte. In nessun caso di dolore Gesù si tira indietro. Nel Vangelo di oggi ridona ad una donna e a un’intera famiglia gioia e vita, mutando il lamento in danza e gli abiti di dolore in abiti di festa e di allegria.
Cristo vuole veramente un’umanità nuova, da dove siano messe al bando miseria e disperazione e dove non ci siano più dolori, dispiaceri e pianto. La morte, che Cristo sconfigge, può essere presa come il simbolo di tutta la difficile condizione umana. Risuscitando la fanciulla, Cristo dimostra di essere il Liberatore, il Redentore di tutto l’uomo, anima e corpo: libera l’uomo dal peccato e da tutte le conseguenze del peccato, come la malattia, la morte, le miserie, le angustie e i travagli …
CHI SI SENTE CRISTIANO deve seguire Cristo su questa strada: deve essere liberatore da tutti i mali (povertà, oppressione, sfruttamento, ingiustizia, ignoranza …) e difensore della vita e della promozione umana. Deve ricordarsi che ogni atto di amore (materiale e spirituale) è un seme di vita e concorre ad edificare il regno di Dio sulla Terra.
 
Conclusione.
Oggi Gesù grida a tutti: “In ogni circostanza della vita, schieratevi dalla parte di Dio, Signore della Vita, scegliete la vita e non la morte”; e sceglie la vita chi si sforza di vivere in grazia di Dio; sceglie la vita la madre che evita l’aborto; sceglie la vita il medico che cura con competenza e coscienza gli ammalati; sceglie la vita chi lotta per la libertà, la giustizia, il benessere, il progresso e la promozione di tutti; scegli la vita chi si adopera ad eliminare tutti i mali che rendono insopportabile ed infelice la Vita.
 
 
 
 
Gocce di fede
a cura di Angela Bozzo
Share/Save/Bookmark back to top

 

Via Francesco Albergotti, 16 - 00167 Roma - P. IVA/C.F.: 13470371009

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.
Gli autori non hanno alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere
tramite eventuali collegamenti, posti all’interno del sito stesso, forniti come semplice servizio a coloro che visitano il sito.
Lo stesso dicasi per i siti che eventualmente forniscano dei link alle risorse qui contenute.

Copyright 2016 - Tutti i diritti riservati

Politica dei Cookie | Note Legali | Disclaimer |Web Mail | Mappa del Sito                                                          Fondazione Onlus "Il Cuore in una Goccia" © - Tutti i diritti riservati - Powered by 

 

Il presente sito fa uso di cookie che consentono di fornire una migliore esperienza di navigazione